La bestia sa che in Italia esiste una bella fetta di elettorato fascista, erede diretto e indiretto di Mussolini, della Repubblica Sociale, di gruppi addirittura filonazisti. Celebre il dialogo televisivo col giornalista Formigli:

Formigli: “Lei è antifascista, giusto?”

Salvini: “Mah, io sono Antirazzista!”

Formigli: “Non faccia il furbo con me, lei è antifascista oppure no?”

Salvini: “Il fascismo e il comunismo li studio sui libri di storia“.

Ecco cosa non si fa pur di farsi amico un certo elettorato. Forse una svista momentanea? Ma no: “Il fascismo, come il comunismo, è un’idea morta. Sono fenomeni da studiare, ma nessuno dei due tornerà. Detto questo, citare D’Annunzio o affermare che alcune zone di Roma, come l’EUR, sono eredità di questo periodo, non vuol dire essere fascisti. Cioè non sono fascista, ma in Italia non ci sono fascisti”.
(Fonte: LePoint, 16 ottobre 2019)

La risposta di Salvini è ovviamente falsa: in Italia esistono almeno due partiti che si dichiarano esplicitamente fascisti e partecipano alle elezioni nazionali e locali – CasaPound e Forza Nuovaoltre a un partito di estrema destra come Fratelli d’Italia che ha un rapporto e un giudizio piuttosto ambiguo sulla dittatura fascista; per non parlare di molti gruppi organizzati di tifosi di calcio che si ispirano esplicitamente al fascismo e usano metodi fascisti – prepotenze, intimidazioni, violenze – tra loro e nei confronti dello Stato e dei cittadini.
(Fonte: Il Post, 7 novembre 2019)

Leggi tutto
fascismo

Fascismo